L’innovazione in un mercato che cambia

L’innovazione in un mercato che cambia

Vi siete chiesti come mai ci sono aziende che hanno successo, nonostante scenari di mercato non positivi?

Vi siete chiesti come mai ci sono realtà che riescono ad offrire i propri prodotti o servizi anche a prezzi meno competitivi dei loro competitors?

Vi siete chiesti come mai esistono casi di successo, nonostante l’attuale scenario economico-politico italiano?

Ovviamente sì, ma diverse sono le emotività che entrano in gioco, i punti di vista e le risposte a queste domande. Quest’articolo altro non vuole essere che un tentativo di condividere uno spunto di riflessione.

Ed infatti, c’è sempre chi, per un motivo o per un altro, tenderà a vedere il bicchiere mezzo pieno e chi mezzo vuoto. Tuttavia, è importante parlare, discutere e confrontarsi. D’altronde a chi non piace trovarsi sulla “barca dei vincenti”?

Il mercato e le dinamiche ad esso associate cambiano così velocemente che la routine quotidiana non sempre consente di poterne capire a fondo le regole o, meglio, non sempre rende facile intuirne i cambiamenti e anticiparne le mosse, per elaborare strategie di successo.

Eppure le intuizioni brillanti sono nate proprio in momenti di crisi del mercato e da persone che con coraggio – e additate come folli – hanno deciso di fare impresa o continuare a fare impresa nonostante la mancanza di liquidità.

Se è vero che il bisogno aguzza l’ingegno, è proprio l’innovazione ad essere la chiave di volta. Che si tratti di rinnovamento di una prassi, dell’introduzione di nuovi sistemi, di un nuovo orientamento o semplicemente di un modo diverso di fare le cose, che importa? Ciò che è importante, è la capacità di vedere oltre la routine e avere il coraggio di abbandonare la propria zona di comfort per abbandonare la cultura conservatrice del “ma si è sempre fatto così, perché cambiare?”.

Il mondo si evolve e i cambiamenti se, da un lato generano confusione e frustrazione, dall’altro generano anche le occasioni per pensare diversamente e le opportunità per competere in modo diverso.

Niente è semplice e i cambiamenti comunque prevedono dei costi e portano le persone a fare i conti con l’immagine che un’azienda vuole dare di sé sul mercato. In aggiunta a tutto questo, anche questioni quali: gli scontri generazionali, la formazione del personale, il rapporto con i clienti, i fornitori, i sindacati… Ma stare fermi, lamentarsi, sentirsi frustrati o sperare che le istituzioni facciano qualcosa per le imprese, non costa molto di più?

E allora, perché non provare a investire le energie nel “pensiero diverso”, nel “pensiero innovativo”, in breve, nel pensiero che porta le persone a lavorare più sulla soluzione, anziché sul problema.

In conclusione, diverse sono le storie di chi oggi si trova a fare impresa: qual è il vostro punto di vista? Qual è la vostra storia?

Manuela Bellani – Client Manager


Future Manager Recruitment

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Cliccando "OK" si procede nella navigazione e si accetta l’uso dei cookie. Read more Ok